[scroll up]
[scroll down]

Venerdì 30/01/2004
Ely siriar, êl síla. Ai! Aníron Undómiel
[in corsivo gli spoilerini sul Ritorno del Re *_*]
Ohohoohooooh! Quel gran bell'elfo dell'agente Smith! *_* quanto mi piaci sopracciglione mio.

***Forse forse ha persino messo in ombra la Cavalcata dell'Elefante di Legolas... ma come faceva a stavare in equilibrio sul popò dell'elefante mentre scoccava?_? Stava arpionato con le dita dei piedi al pachidermico sederone?_? Ahhh elfici misteri *_*.
Alla scena giocosa degli hobbit sul lettone di Frodo, non ero più capace di trattenermi dal ridere... Mela è tutta colpa tua >_< quella è l'unica scena che mi ero spoilerata leggendo il tuo blog e alla vista dei mezzuomini gai mi sono ricordata delle tue parole... non sapevo più che tiri fare °_°
.***

Anyway, Legolas mi piace sempre molto molto, con il suo mantellino e quelle gambette avvilupate nella calzamaglia.
Galadriel e Arwen sono tanto belline *_* love love, voglio anch'io graziosi abitini e coroncine sbriluccicose (con aura di luce e occhi-tipo-biglie-blu annessi)(ma forse gli occhi blu di Gollum sono ancora più luccichini).
Aragorn infighettato è stato una bella sorpresa, tutto lustro e incoronato... ma chi l'ha detto che l'omo ha da puzzà *_*??
Eowyn è sempre una zoccolina bastardina è_é al terzo giro ti sei beccata sto due di picche, eh biondina slavata! Però anche lei indossa abitini veramente deliziosi... e anche quelle onde nei capelli... oh, stabilito, la prossima volta dal parrucchiere mi faccio fare le onde *_*
Sam mi ha fatto commuovere ;_; ho gocciolato... ma anche Pipino e Merry sono molto coccolosi *_*. Ammetto che alla scena del saluto tra Frodo e Sam prima dell'imbarco, credevo proprio ci scappasse il bacio-bacio e anche più appassionato di quello tra Aragor e Arwen (*_* bacio che tra l'altro ha soddisfato il lato Harmony del mio animo).

Nota laida della visione del film: mi sono sbafata una cofana di popcorn che nemmeno un anno di importazioni di grano dalla Cina potranno ripristinare.
Nota irritante della visione del film: il tizio che mi stava seduto accanto (no, non tu mio diletto Piciobin *_*, quello di sinistra) continuava a muovere su e giù la gamba dando origine a movimenti sussultori e tettonici (ma che vuol dire? *_*) per tutta la fila di poltroncine. Ebete, avrei dovuto calciarlo "per sbaglio".



Giovedì 29/01/2004
La la la Never Give Up, Gambaru wa, kondo koso watashi no ban
Ahhhh *_* ma quanto bene fa lo shopping? No, in realtà dopo la sessione di stamattina ero letteralmente distrutta e ho fatto una fatica incredibile a studiare ;__; (infatti ho studiato pochissimo... io me bestiaccia! bestiaccia! >_<). Però da Pellizzari era primo giorno di prevendita di campionario.... é_è non è che potessi evitare di andarci, no? .... no?? mh...
Ho fatto spesette abbastanza ricche: un paio di pantaloncini corti blu con una falda davanti tipo gonnellina, una camicetta goffrata, una magliettina bianca (sintetica al 200% - orrore! aberrazione! - ma il modello è così carino...), maglia rosa di maglina di cotone, camicia smanicata con ricamini e collo alla coreana e adorabile felpina blu striminzita che cercavo da un'eternità. Il tutto per la modica cifra di... meglio non dirlo o la cosa non mi sembrerà più così vantaggiosa come mi era parsa all'inizio (e soprattutto così vantaggiosa come mamma ed io l'abbiamo spaccciata a papà mentre gli facevamo il confronto qualità prezzo dopo il fattaccio).
Le prevendite sono sempre un fenomeno affascinante. Il negozio apre alle 9:30. Noi arriviamo per le 9:25 e parcheggiamo rigorosamente nello spazio del grande magazzino accanto visto che il parcheggio di Pellizzari è pieno come un uovo. Davanti alla porta ci sono già 30 persone che, dopo poche chiacchiere (mia mamma con 5 minuti di tempo utile riesce ad ottenere informazioni sufficienti per una biografica discretamente completa) scopriamo essere lì dalle 8:30. Ci rendiamo conto?! Appena vedo i volti di queste donne sussurro alla mamma "guardale queste assatanate... sembrano i cani che grattano sulla porta per uscire a far pipì". Dopo un'ora di attesa al gelo (stamattina faceva un freddo pinguino >_<) le serrande del negozio si aprono e per loro è come se si spalancasse Ianua Coeli. Ma sono scaltre, non vogliono far vedere che si prenderebbero volentieri a morsi per un abitino... no, loro sono signore e quindi si dirigono verso la scala mobile con il passo lento ma irregolare, una specie di saltello trattenuto e il sorriso di platica da rivolgere alla rivale che arriva per prima alla scala.
Quest'anno la mamma è riuscita a conquistare un camerino per prima; gli anni passati abbiamo sempre fatto una coda interminabile. Non ci siamo intenerite nemmeno quando una signora ha detto "oh... credo che tra un po' dovrò proprio abbandonare l'idea di provare questi vestiti... mia figlia di 11 anni è a casa con la febbre e devo tornare da lei". Col cavolo che ti cedo il mio santuario di specchi e faretti! è_é Si prenda un'asprina tua figlia.

Ed eccoci qui *_* vestite di nuovo e con i portafogli privati della loro anima frusciante e/o tintinnante.

La tesi è stampata, è stampata!! \*_*/ ora ho accompagnato la piccina a farsi rilegare. Perchè quelli della copisteria non inseriscono il rosa e il gridellino tra i colori disponibili per le copertine? Pazienza, sarà blu.

Tra 45 minuti parto per andare al cinima. Ormai quando vedo la pubblicità in tivvù ho le palpitazioni *assatanat assatanat*. Credo che sverrò alla vista di Legolas *_*. Però ho sonno... perchè c'era posto solo alle 22:30 ;_;?



Domenica 25/01/2004
Chi cucinerà e chi dipingerà, la Puffetta tutti aiuterà
Oggi ha nevischiolato *_* piccoli rachitici fiocchetti di neve. Ma bellissimi *_*. Peccato che non si decida ad attecchire... perchè nevica ovunque tranne che qui? E' inutile mandarmi queste nevischiolate palliative, non mi basta il contentino!

Picio-bello è venuto a prendersi il cd con la mia tesi. O meglio, era venuto per farsi due chiacchiere e giocherellare, ma non si sa perchè non si sa per come, abbiamo perso la giornata a risistemare l'indice della tesi (stupido word e i tuoi metodi automatici del picchio >_<). E domani stampa! *_*
Sono proprio stufa. Ho deciso che così va bene e basta, è bellissima (-->"per le madri tutti i figli sono belli"... >_< doh!). Adesso devo *solo* studiarla °_°... non mi ricordo niente. Ma niente eh. A mala pena i concetti generali. Vabbè, ho un mese per imparare tutto... conto di incamerare tutti i dati in 10 giorni, così avrò gli altri 18 per infiocchettarmi un bel discorso e fare le prove sorriso per la commissione.
Bleah. Ferdy vedi di non farmi storie e tagliare corto il giorno della laurea. E piantala di chiamarmi dottoressa che porta una sfiga tremenda!

Sono imperdonabile ;_; mi sono scordata di ringraziare pubblicamente la mia amorevole zietta Tybe che è stata l'unica a mandarmi la calza per la Befana. Era una calza bellissima e buonissima... sono rimaste solo 3 monetine da un euro di cioccolato *_*. Zietta, mangiare la tua calzina mi ripaga di tutte le fatiche della tesi (beh quasi, suvvia °_°'').

Sono svogliata, non so più cosa scrivere... vado a prepararmi una bella cioccolatina Cameo (no bugia bugia! *_* è Ristora, sottomarca sottomarca!)



Venerdì 23/01/2004
Io vivo sempre insieme ai miei capelli °_°
Devo decidermi ad essere un po' più costante con questo blog...
Cmq *_* tutta questa pausa per riprendermi dal raduno di Terre a Firenze. Siccome è passato un po' di tempo non mi va più di raccontare quello che è successo... ma mi sono divertita tanto e.. e... *_* ho preso il treno da sola! Cioè sì... vabbè c'era anche Michele >_< ma.. ma... ho obliterato il biglietto e mi sono portata in giro la valigia da sola *_*.
E' stato bello vedere le facce che stanno dietro ai pg... è inutile farsi un'idea di cosa potrai aspettarti, tanto la realtà la sconvolgerà completamente *_*''. Sono tutti carini e simpatici, non sono nemmeno stata troppo timida come al mio solito... o forse la colpa è di Davide che mi ha trasformato nel fenomeno da baraccone del weekend °_°''... gnem. Non appena avrò sviluppato le mie fotine le metterò online insieme con quelle degli altri (coloro i quali hanno strumenti più tecnologici della mia macchinetta antidiluviana) e con i resoconti scopiazzati dalle bacheche della community.
Ma che felicità rivedere Shaniussa e Lithiel *_*! Dopo un solo mese dal micro-radunicchio di Padova. Che divertente *_* spero solo che al prossimo raduno il tempo sarà più clemente concedendoci più di 10 minuti di fila senza diluvio universale (ma tanto io avevo una valigia più fornita di un grande magazzino! avevo cambi di abiti, biancheria e scarpe per tutti i partecipanti del raduno! E me la sono portata in giro per la città! *_* Allèèèèè!).

L'altroieri sono andata da Ferdy e gli ho fatto firmare la domanda di laurea. Quando mi ha chiesto la tesi per poter scrivere la lettera di presentazione, ho capito che non aveva realizzato di aver firmato il modulo per la tesi normale. Siamo stati un'ora (l'ora che avrei potuto utilizzare per correggere gli errori di battitura =_=) a parlare del perchè e del per come io fossi una studentessa che "si ribella al suo relatore" senza che lui riuscisse a capacitarsi del fatto che io stavo rifiutando l'eccellenza. Però era molto divertito, dice che lo affascino. E mi ha invitata a cena dopo la laurea per discutere di questa mia presa di posizione. Come ci si comporta a cena con il relatore? °_° Lo scoprirò solo vivendo (tra un mese).
Io sostengo di saper valutare me stessa e le mie capacità di sostenere lo svisceramento della mia tesi, nonchè il mio lavoro... lui dice che scorge una punta di superbia nel mio sovrappormi al giudizio del relatore. Ma sarà mica che io ho letto la mia tesi e lui no? Che io conosco le mie prestazioni e le mie potenzialità perchè vivo con me stessa da 23 anni e lui mi conosce da 6 mesi (totale ore vissute assieme: circa 10)?
Ad ogni modo lo vedo veramente galvanizzato da questo mio comportamento. Meglio così, spero solo non decida di farne argomento di discussione in sede di laurea.

Ieri invece ho compiuto il penultimo passo e ho consegnato in segreteria domanda di laurea con costosissima marca da bollo annessa (ladri! sanguisughe! ci comprate tante penne per l'ufficio con 10,33 euro eh?? >_<), copia del libretto e questionario Almalaurea. Ho perso un'altra ora... e lunedì ne perederò un'altra infinità per stampare la tesi e andare a farla rilegare. Al prezzo non voglio nemmeno pensare.

Che fatica studiare questa tesi... ma perchè ho scritto delle cose tanto difficili? (e soprattutto perchè ho fatto tanti errori di battitura?)

Poco fa stavo per montare il nuovo microfono al pc. Qualche giorno fa mi sono resa conto che quello vecchio gracchiava paurosamente e registrava la mia voce come al rallentatore con sottofondo di mietitrebbia a regime. Ma... ;__; sono scema e scemissima! *Dopo* aver aperto la confezione, ho voluto fare un'ultima prova con il microfono vecchio e ha funzionato benissimo ;___;. Mi sento la scema per antonomasia. Stupihime ;_;. Brutta Hime, brutta brutta e scema >_<!
Mio diletto Piciobin non stramaledirmi ;_;.

Grande verità del giorno: quello che mi spaventa di più di certe persone sono le bestialità che partoriscono i loro cervelli atrofici ;_; ci si può contraddire e poi accusare gli altri della propria contraddizione comportandosi come se la prima opinione sbagliata fosse stata espressa da questi "altri"? Ma soprattutto: facendo questa domanda, mi sono capita almeno io-me-medesima con me stessa? Credo di no (*forse* anche il mio cervello è un tantino atrofico).



Venerdì 16/01/2004
All'arrembaggio *_*
Dopo un lungo periodo di ferie del mio cervello e dell'omino che lo abita, ho deciso che era il caso di tornare al mio sudato blogghettino.
Riassunto delle puntate precedenti: primi giorni dell'anno promettenti e felici (anche se la mamma, oltre a non avermi regalato la calza per la Befana, non mi ha nemmeno dato un soldino), relatore Ferdy molto rilassato e conciliante e termine della tesi. Ma! Bada ben bada ben, ma! Non è che possa durare, no?

Dopo 3 giorni Ferdy vuole un'impaginazione tutta diversa, caratteri tutti diversi e traduzione delle note in calce alle tabelle e dei rispettivi titoli. Un lavoro facile di certo, ma da carcerati (di quelli cattivi e disubidienti).

Poi inizia un discorso spaventevole sulla malvagità delle domande a mitraglietta dei controrelatori in sede di tesi di eccellenza e sul massacro che ne consegue.
"Guarda che se fai così il giorno della laurea mi fai fare brutta figura, no no sai non puoi". Mostro. Osa parlarmi come se l'avessi supplicato io di presentarmi con l'eccellenza e avessi spacciato il mio lavoro per chissà cosa. Ad ogni modo, conscia dei miei limiti, ho deciso di rinunciare all'eccellenza; la mia tesi sarà bella finchè vuoi ma la mia padronanza di quello che ho scritto non è all'altezza.
Ma! Bada ben bada ben, ma! Passano altri due giotni e cambia nuovamente idea. "Beh ma adesso sei tu che decidi? {ma no? l'ho scritta io la tesi, testa mauca è_é ndH} Dai dai se ti fanno delle domande a cui non sai rispondere, tu inventa! Tanto il modello di Hertel non lo conosce nessuno in commissione {ehhh tutti con la terza media i controrelatori! è_é ndS}". Ma è una mia impressione o qui qualcuno è un tantino rincretinito? Non mi è richiesto di sapere tutti i modelli che ho trattato perchè "la tesi non è mica sui modelli", ma se chi non conosce i suddetti modelli vuole farmi una domanda su un punto non chiaro, può tranquillamente smontarmi; insomma mi si dice di lasciare pure delle lacune ma allo stesso tempo di saper rispondere a tutte le domande. Ma ma... >_< Se c'è una lacuna vuol dire che non la so quella cosa, altrimenti l'avrei scritta per far bella figura e/o volume di pagine!

E nella vana speranza di consolarmi e rendersi simpatico, Ferdy insiste a farmi complimenti sui capelli, sui vestiti, sulla mia classe e sulla mia borsetta pelosa che fa pendant con la sciarpetta pelosa. Non lo tollero quando lo fa.

Quando ho detto "prof, oggi è una cattiva giornata, stavo per rompere la stampante<e lei in più mi detto che devo cambiare tutto e ristampare per l'ottava volta>(tra parentesi la parte pensata e taciuta, ndH)", lui mi risponde "beh? ma che problemi sono, ne avresti comprata una nuova e basta!". Animale.

Lunedì torno lì. Lui pensa che scriveremo la lettera di presentazione per l'eccellenza. Invece io gli porterò il modulo ordinario già compilato. E' mia, l'ho scitta io, la so io... lui non la leggerà nemmeno... e dopo averci riflettuto tanto ho capito che non ho i mezzi per sostenere un dibattito di mezzora.
Chiaro che nè lui nè mio padre credono che io abbia riflettuto. Pensano che la decisione è stata partorita nel momento stesso in cui è uscita dalla bocca, quindi è una scelta fatta per paura e pigrizia.

So quanto vale il mio lavoro, se dev'essere per me la soddisfazione, allora è più che sufficiente sapere che poteva essere proposto come eccellente. E' inutile prolungare una formalità che già potrebbe essere abolita.

L'altroieri sono uscita con la mamma, dovevamo cambiare due (no dico, *due*) articoli difettosi che aveva compato. Mammina è ciecata, quindi spesso non nota i difetti di rifinitura o di stampa del tessuto. Dice che "non mi ricordo che non ci vedo bene e allora non mi metto gli occhiali per controllare il capo centimetro per centimetro". Durante le sessioni di shopping in coppia, sono certa di averle bocciato almeno 6 talleur con difetti di tramatura. Cmq pazienza, in fin dei conti ci sono solo il disturbo di dover tornare fuori e il dispiacere di restituire il capo fallato con il rischio di non trovarne uno uguale.
In realtà non è proprio così, perchè le commesse sono al 90% delle furbe satanasse. A forza di sentire "la merce in saldo non si cambia" e "le faccio un buono di pari valore" ormai mi viene da ridergli in faccia. Questa volta abbiamo avuto da discutere un bel po', perchè la commessa era proprio convinta dei suoi "diritti di venditrice". Sosteneva che: 1) se noi consumatori abbiamo due mesi di tempo per restituire la merce fallata, non possiamo pretendere che il venditore restituiscai soldi subito (come dire, lasciameli in cassa almeno un mesetto così metabolizzo l'idea di fare il reso di cassa); 2) i soldi non potevano essere restituiti perchè è la ditta che glieli deve dare dopo che loro hanno rimandato il capo indietro...e "mica possono tirare fuori i soldi di tasca loro" (al che mia madre ha detto sorridendo "no di certo, guardi signora, basta che li tiri fuori dalla cassa"); 3) non potevamo parlare con il direttore perchè "il negozio non ha un direttore"(!?!); 4) non si possono restituire i soldi che stanno nella cassa, è una cosa complicata e bisogna parlare con il direttore (ma quello fino a poco fa non era inesistente?)... e dire che ormai la procedura per il reso la so fare anch'io... 5) al massimo avremmpo potuto "riavere i soldi in primavera" (tempo che la MaxMara prendesse il capo indietro e rimborsasse con moneta sonante il negozio, dicevano, visto che la voce di accredito non soddisfa la loro abitudine di mettere i soldi sotto il materasso).
Essendo mia madre ed io di razza bastarda ed istruite a dovere in materia di diritto dello shopping, le infami commesse se la sono incartata la sera stessa, visto che la mattia successiva ci hanno telefonato a casa dicendo che non c'era nessun problema e potevamo passare quando volevamo a prenderci i soldi. Evidentemente quando ho mormorato a mia mamma "dai basta far questioni, adesso ti dico io cosa facciamo e domani avrai i soldi indietro", loro hanno intuito che intendevo andare all'unione consumatori, proporre cortesemente un paio di denunce e tornare in negozio con il sorriso pacione.
Perchè come ha detto la mamma dopo la quarta castroneria della commessa "sa, non è che io sia scesa dalla montagna con la piena...".

Quello che mi da fastidio è che non è per ignoranza che la commessa dice certe cose. Tanti credono in buona fede che il cartellino "la merce non si cambia" abbia anche solo un minimo valore. Quelle donnacce orribili sono furbe e disoneste. Che schifo. E mi viene da pensare agli stranieri che fanno acquisti; imbrogliare loro che magari non hanno la stessa sicurezza delle nostre regole è davvero disgustoso. Bleah, vergonatevi (Bonolis-mode on).

 

Archivio

gennaio 2004